HomeEngineeringAviation HistorySmall Aircraft

Aeritalia G-91Y

B-1 Strategic Bomb.

THK3 Glider

Gloster Meteor

Tupolev 154B

Last Crusader

Vought A-7D

Lockheed Aircraft

Northrop YF-17

F-86 Sabre

 
 
 
AVIATION HISTORY

 
 
Il G 91Y è nato come caccia bombardiers e ricognitore tattico. Come tale i suoi compiti si articolano nell'appoggio diretto, nell'interdizione ravvicinata, nella fotoricognizione e net combattimento aereo.

Essenziali per I'assolvimento di questi compiti sono la tempestivita d'intervento e la giusta concentrazione dell'offesa, garantite in misura ottima dall'affidabilità del sistema d'arma, dalla semplicità dei subsistemi, dalla robustezza strutturale, dalle prestazioni brillanti, dal sistema di navigazione semplice, autonomo e motto preciso, dall'impianto di rifornimento rapido e dal minimo tempo di approntamento, dalla messy in moto autonomy, dalla funzionalità e semplicità delta strumentazione, dall'indipendenza reale da bast logisticamente complesse. Il raggio d'azione con solo carburante interno (200 miglia nautiche) consents all'aereo di batters tutti i suoi obiettivi, riservando cost i punti di attacco esterni al carico bellico.

Le eccezionali doti di manovrabilità, il favorevole rapporto spinta/peso e quindi la ramps di salita, I'accelerazione, le virate ad alto fattore di carico a velocità costante, mentre fanno del G 91Y una docile ed efficace arena contro obiettivi terrestri, ne esaltano anche le attitudini al combattimento aereo, conferendogli assieme ai cannoni da 30 mm ed ai missili aria-aria eccellenti capacità di difesa contro una vasty gamma di velivoli più sofisticati e costosi, in particolare se it combattimento avviene in spazi ristretti.

Ad ottenere i risultati di alto rendimento del G 91Y hanno contribuito i seguenti fattori:

— una scrupolosa messy a punto dell'abitacolo (comfort, strumentazione, comandi, visibilità);

— la completa assenza, nell'inviluppo di volo operative, di fenomeni di «disturbo» tendenti cioè a distrarre I'attenzione del pilota dal suo compito fondamentale e ad affaticarlo (quali eccessive limitazioni d'impiego, prestazioni non sufficientemente brillanti, margini di errore troppo ristretti e tali da non perdonare eventuali disattenzioni del pilota, cattive qualità di volo ecc.);

— l'eccezionale manovrabilità, anche a velocità relativamente basse e con forti carichi;

— l'elevato rapporto spinta/peso;

— I'altissima velocità di rollio (240°/sec.) e l'alto valore «specific excess power» che, combinati, consentono la più rapida e soddisfacente impostazione di manovre di attacco e di scampo e — contemporaneamente — un perfetto dosaggio delta velocità per adattare istante per istante la traiettoria del velivolo alto spazio di manovra disponibile.

L'adozione di un particolare tipo di carrello articolato consente di operare effettivamente da piste semipreparate; per quanto riguarda le piste it G 91Y è quindi indipendente dall'offesa nemica perché una rapida riparazione con terra rassodata di una pinta non rappresenta ostacolo al suo impiego.

L'impianto propulsore 6 costituito da due turbogetti General Electric J85-13A sistemati nella parts posteriors delta fusoliera; ciascuno fornisce 1230 kg di spinta statica che sale a 1850 kg con l'inserimento della postcombustione.

I due turbogetti cón postbruciatore consentono grande flessibilità ed economia d'impiego: alto eccesso di spinta, quando necessario, e bassi consumi in crociera. Si sono ottenute così brillanti prestazioni di decollo, di salita, di velocità massima e di accelerazione, pur consentendo raggi d'azione perfettamente adeguati alle esigenze del teatro operativo, anche con il solo combustibile interno. La presenza di due motori va inoltre a fondamentale vantaggio del fattore sicurezza.

L'armamento è costituito dall'impianto fisso, due cannoni DEFA da 30 mm e da quello addizionale, formato da carichi esterni di caduta e di lancio applicabili a 4 montanti subalari per molteplici combinazioni d'impiego.

Circa l'addestramento dei piloti il velivolo è stato studiato per facilitare il compito del pilota anche nelle condizioni operative e di volo più difficili. Dell'aereo è stata studiata anche la versione biposto G 91 YT che mantenendo le qualità del monoposto è idonea tanto all'addestramento avanzato, come all'impiego operativo.

Una variante interessante è costituita dal G 91 YS, allestito su specifiche dettate dal Governo Federale svizzero, che presenta alcune modifiche nei confronti della versione base.
  The G 91Y is a tactical fighter-bomber and reconnaissance aircraft capable of carrying out direct support, close interdiction, photographic reconnaissance and air combat missions.

The characteristics of timeliness of intervention and of concentration of strike, essential to the performance of these tasks, is assured by reliability of the weapon system, simplicity of the sub-systems, structural strength, excellent performance, self contained and extremely accurate navigation system, fast refueling and readying for operational mission, self contained starting system, functionality and simplicity of instruments and complete independence of logistically complex bases. With main fuel tanks alone providing a combat radius of 200 nautical miles, it can reach all required targets, thereby freeing the underwing attachments for military loads.

Exceptional manoeuvrability, favourable thrust-weight ratio and therefore rate of climb, acceleration, turn performance at high load factor at constant speed combine to render the G 91Y an easily-handled and effective ground-strike aircraft and also enhance the qualities necessary for air combat. These features, together with the two 30 mm cannons and air-to-air missiles, provide the G 91Y with excellent defence capabilities against a wide range of aircraft including those more sophisticated and expensive, especially when the combat takes place in limited areas.

The following features contribute to the achievement of high performance obtainable from the G 91Y:

— meticulous design of cockpit (comfort, instruments, controls, visibility);

— complete absence, in the flight envelope, of disturbance phenomena (such as under-utilization, insufficiently high performance, margins of error too low to allow for distractions on the part of the pilot, poor flying qualities, etc) likely to divert the attention of the pilot from his fundamental task and to fatigue him;

— exceptional manoeuvrability, even at relatively low speed and with heavy loads;

— thrust/weight ratio;

— very high roll-speed (240°/sec) and high specific excess power value, which together provide faster and better attack and escape manoeuvres, and contemporarily, perfect speed control to adapt, instant by instant, the path of the aircraft to available manoeuvring space.

The adoption of a special articulated landing gear enables operation of the aircraft from semi-prepared surfaces: runway-wise operation of the G 91Y is not affected by enemy attack, since it can take off from damaged runways which have been temporarily earth-repaired.

The power plant consists of two General Electric J85-13A turbojets mounted in the rear part of the fuselage, each developing 1,230 kg static thrust, rising to 1,850 kg with afterburner. The two engines with afterburner enable great flexibility and economy of utilization: high excess thrust, when necessary, and low fuel consumption when cruising.

Excellent take-off, climb, maximum-speed and acceleration performance are thus obtained, at the same time enabling radius of action perfectly adequate to the requirements of the combat area, even on only the main fuel tanks. The availability of two engines provides the advantage of additional safety.

Fixed armament consists of two 30 mm DEFA cannons, whilst four underwing pylons provide for carry a wide variety of combination of bomb, rocket and missile loads.

As to pilot training, the aircraft has been designed to facilitate the task of the pilot also in operational and difficult flying conditions. Also studied is the G 91 YT two-seat version which, by retaining the qualities of the G 91Y, is suitable both for advanced training and operational missions.

An interesting variant, is the G 91 YS, equipped in accordance with specifications formulated by the Swiss Federal Government, which incorporates several modifications as compared with the basic version.
 
 
 

All information on this page is from an Aeritalia brochure of 1975.